Mi manchi. Non ho altre parole…mi manchi… non voglio scriverti su whatsapp, non voglio chiamarti al telefono, non voglio sentirti su skype…voglio scriverti una lettera di carta. Voglio scriverti come si faceva trenta, quaranta e cinquanta anni fa…voglio riempire un foglio bianco con le parole che ho imparato sui libri, quelle che ho sentito al cinema, quelle che ho sentito alla radio ed alla televisione. Voglio scriverti perché così non puoi interrompermi e non posso essere disturbato da qualcuno che mi vuole proporre di passare da Tim a Vodafone. Voglio scriverti perché così posso pesare le parole e non sbagliare il modo o il tempo per dirti una cosa importante. Voglio scriverti per dirti che è giusto ma anche sbagliato, che è bello ma anche brutto, che per me sei tutto ed il contrario di tutto. Voglio scrivere che non saprei come potrebbe essere senza di te. Non saprei come fare…non saprei dove andare…Ma è vero anche che con te ho imparato a stare senza di te e a sapere dove andare anche se tu non ci sei. Perché ormai ci sei sempre e sei parte di me e io lo sono di te. Voglio scriverti perché una lettera è una cosa che rimane, che si mette in una busta, che si mette un francobollo (ma esistono ancora?) e poi si mette in una scatola o in un libro……..e dopo 50 anni la trovi lì e chi la legge è come se l’avessero scritta a lui o lei. Voglio scriverti perché mi piace se bagno il foglio con una lacrima che deforma le parole ma le rende più romantiche. Voglio scriverti perché so che la leggerai cento volte, e ancora cento volte ed altre cento ancora. Voglio scriverti una lettera perché ormai i postini consegnano solo bollette da pagare e avvisi di raccomandate…….. Voglio scriverti perché mi fai sempre aspettare….. ed ora sono giù in auto e vedo la tua finestra accesa…. e sei ancora lì che ti prepari……ora la vado a imbucare…….sono sicuro che ti troverò giù e mi dirai “ma non dovevi essere già qui?…” e io ti dirò “ma amore sono arrivato puntuale e nell’attesa che scendessi ti ho pure scritto una lettera e l’ho imbucata…” e tu mi sorriderai dicendo “ sei un bugiardo………”.